Il processo lineare che porta alla creazione di associazioni culturali, cooperative ed in generale tutti i progetti fondati sull’associazionismo è quello che vede la sua genesi in una carta condivisa – fin da principio – da tutti gli attori coinvolti.

La nostra è una storia fatta di tanti piccoli passi, collaborazioni in modalità smart working con professionisti sparsi ovunque; alcune si sono stabilizzate nel corso del tempo, altre, invece, sono terminate. Nel bene e nel male tutti hanno dato il loro contributo per far sì che oggi Evermind sia una realtà aziendale solida e coesa.

Il Manifesto , pubblicato oggi, è il nostro codice etico, sottoscritto da tutti i professionisti del network. Ne condividiamo i valori e l’approccio, la visione ed il metodo di lavoro. E’ frutto di anni di lavoro, pensieri, sogni diventati poi progetti. Il Manifesto è la nostra Stele di Rosetta, dove marchiamo a fuoco chi siamo, dove vogliamo andare e soprattutto come vogliamo arrivarci.

Per questo motivo abbiamo modificato il claim del logo in “People Inspiring Future“.

 

Evermind People inspiring future

 

Le persone sono il centro focale da cui tutto inizia e nelle parole, nei dettagli, poniamo ciò che vogliamo trasmettere a livello valoriale. La collaborazione sostituisce la competizione;  il “noi” sostituisce l’ambito egocentrismo di questi tempi; il piacere del tempo libero e della condivisione di conoscenza ed esperienze si sostituiscono all’ossessione del lavoro.

Perché il tempo è vita, come mi ha fatto giustamente notare Paolo Pasquali, imprenditore visionario conosciuto al Mugello, durante una delle tappe del Festival dell’Ospitalità.

La fiducia è alla base della nostra attività lavorativa. Tutti i professionisti sono costantemente aggiornati ed allineati sull’andamento dell’azienda: sia da un punto di vista lavorativo che economico e di fatturato, siamo tutti informati su ciò che succede, nel bene o nel male. Ciò che fa sì che ogni professionista sia responsabile del proprio lavoro, gestendo il suo tempo lavorativo in totale autonomia.

L’unica regola in Evermind è: la tua libertà lavorativa e personale non deve impattare quella altrui.

L’autonomia ci consente di lavorare da remoto, secondo i dettami dello smart working. Così facendo contribuiamo ad avere il minimo impatto ambientale possibile: non prendiamo l’auto o i mezzi di trasporto (se non espressamente richiesto) per andare a lavoro o per partecipare alle riunioni o incontrare clienti, evitando le conseguenti enormi perdite di tempo restando imbottigliati nel traffico o nel cercare parcheggio o aspettando un mezzo pubblico che tarda ad arrivare.

Naturale conseguenza di questo approccio è il distribuire equamente la ricchezza creando un sistema economico equilibrato sulla base delle esperienze e delle competenze professionali di ogni singolo professionista.

Se una volta letto il Manifesto volessi entrare a far parte del network di Evermind non resta che contattarci, raccontandoci la tua storia e le tue competenze professionali 🙂

 

Dillo ad un amico

autore

Cercando l'impossibile, l'uomo ha sempre realizzato e conosciuto il possibile, e coloro che si sono saggiamente limitati a ciò che sembrava possibile non sono mai avanzati di un sol passo.

Cosa ne pensi ?

Scrivici per avere informazioni sui nostri servizi
o per entrare a far parte del network di smart worker di Evermind