Chiunque abbia un’azienda, sia essa una startup (intesa non in questi termini :D) o un’azienda classica, sa bene quanto sia problematico dover anticipare l’IVA ad ogni trimestre. Spesso, infatti, succede che le fatture non vengano saldate per tempo dai clienti (per innumerevoli motivi) e quindi ci si trova a dover anticipare migliaia e migliaia di euro.

Ieri si faceva un gran parlare su Facebook dell’articolo 32-bis del D.L. 83/2012 (direttiva 2010/45/UE). Diciamolo subito: non è ancora stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, per cui non esiste, ad oggi, la certezza matematica che possa essere applicato.

Tuttavia, la possibilità di poter pagare l’IVA per cassa è una di quelle azioni che noi ci aspettiamo da parte del governo per aiutare le imprese a contribuire allo sviluppo del Paese attivamente.

Attenzione che il decreto legge è molto complesso ed articolato e non è tutto oro ciò che luccica (come, invece, se ne parlava ieri sui social). Ecco alcuni dei vincoli imposti (per i restanti, vi rimando all’articolo del sole24ore segnalato in calce):

  • fatturato non superiore ai 2mln di euro;
  • il differimento dell’esigibilità è valido per un anno;
  • nel caso in cui si riesca a riscuotere solo una parte del saldo della fattura, si potrà pagare l’IVA pro-quota;
  • il sistema si applica unicamente alle cessioni di beni ed alle prestazioni di servizi imponibili effettuate nei confronti di soggetti che agiscono nell’esercizio di imprese, arti e professioni

(via il sole24ore.com)

STAY INSPIRED

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER INSPIRING FUTURE PER AVERE NOTIZIE ED AGGIORNAMENTI DIRETTAMENTE SULLA TUA EMAIL
A COSA SEI INTERESSATO?
I dati verranno trattati nel rispetto della normativa sulla protezione dei dati personali. Tutte le informazioni sono disponibili nella Privacy Policy

Dillo ad un amico

autore

Cercando l'impossibile, l'uomo ha sempre realizzato e conosciuto il possibile, e coloro che si sono saggiamente limitati a ciò che sembrava possibile non sono mai avanzati di un sol passo.